Anche noi “on air” nella 14° Settimana Antartica!

1305

La nostra seconda esperienza antartica

A febbraio 2012 partecipammo per la prima volta a questo evento, precisamente alla nona edizione della Settimana Antartica, con il nominativo speciale IR2IR e la referenza WAP-195, una bellissima esperienza che ci consentì di mettere a log 888 QSO.

Quest’anno con un X in più e una nuova referenza!

Per celebrare i dieci anni della nostra fondazione abbiamo richiesto il nominativo speciale IR2XIR, simile a quello usato nel 2015 ma con l’aggiunta della di decimo e con questo call parteciperemo alla 14th Antarctic Activity Week dal 20 al 26 febbraio e con la nuova referenza WAP-276.

La prima edizione dell’Antarctic Activity Week fu nel 2004, evento creato per focalizzare l’interesse del mondo radioamatoriale sull’Antartide, non solo come continente a 360°, a partire dalle Basi, fino ai cambiamenti climatici. Questo evento si tiene sempre nell’ultima settimana di febbraio che integra il giorno 22, data in cui gli argentini celebrano la DIA DE LA ANTARTIDA ARGENTINA.

Le eccellenze italiane in Antartide

Con la nostra partecipazione vogliamo dedicarla STAZIONE MARIO ZUCCHELLI che fa parte del Programma Nazionale di Ricerche in AntartideBase Antartica Italiana operativa dal 1985, sita nel territorio Dipendenza di Ross nella regione di Baia di Terra Nova, copre un’area di 7.100 m² di magazzini, laboratori, impianti, servizi e alloggi, a cui si aggiungono varie unità satelliti dislocate su un’area urbanizzata di circa 50.000 m².

La base è operativa durante i mesi dell’estate australe (ottobre – febbraio) e rappresenta l’asse funzionale di tutte le attività di ricerca scientifica italiana in Antartide (PNRA, Programma Nazionale Ricerche in Antartide): attività scientifiche principali, sostegno logistico alla base italo-francese Concordia – Dome C, base di supporto per la nave oceanografica antartica Italica, punto di partenza delle traverse (attraversate logistiche del continente antartico, su mezzi cingolati, per il trasporto di materiali pesanti) e di coordinamenti dei campi remoti di rilevamento italiani. E’ arrivata ad ospitare 31 spedizioni scientifiche dal 1985 al 2016, che negli ultimi anni hanno raggiunto una media di 250-300 ricercatori all’anno solitamente suddivisi in tre periodi di permanenza di circa 40 giorni l’uno (fonte Wikipedia). Nel 2004 è stata intitolata all’omonimo ingegnere, che è stato alla guida del progetto Antartide dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) e scomparso il 24 ottobre 2003.

Ma soprattutto vogliamo ricordare anche una scienziata varesina, la Dottoressa Giulia Castellani, lavora in Germania per Alfred Wegener Institut dove si occupa di ghiaccio marino artico/antartico e la sua interazione con l’atmosfera, gli oceani e gli ecosistemi. Trascorre alcuni mesi all’anno a bordo della nave rompighiaccio Polastern nell’Artico e in Antartide, lavorando secondo i ritmi delle dei repentini cambiamenti climatici e le tempeste. (foto di proprietà di AWI).

 Stay tuned!!!!

Confidiamo quest’anno di superare gli 888 QSO fatti nel 2004, cercheremo di essere quanto più possibili presenti in tutte le bande e modi.

Tutti i collegamenti effettuati nella 14th Activity Week saranno validi per le attività commemorative per il decennale della nostra fondazione, in fase di finalizzazione.