Valmorea, Retica e Centovallina – tre ferrovie transfrontaliere dell’Insubria

1926

Un Diploma telematico per ricordare e celebrare

La Ferrovia della Valmorea fa parte della nostra storia, la Retica o Trenino Rosso del Bernina che dir si voglia è patrimonio dell’Unesco, quindi il Trenino delle Centovalli che collega la splendida Valvigezzo a Locarno, tre attivazioni che l’Insubria Radio Team vuole celebrare con un il Diploma  delle Ferrovie Insubri, tranfrontaliere per antonomasia, che verrà rilasciato gratuitamente a chi collegherà le tre referenze.

3 luglio 2016 – FIELD DAY Ferrovia della Valmorea

Ci ritroveremo in un luogo culto del nostro Territorio, l’Associazione culturale I Nostar Radiìs di Malnate (VA) e sede dello storico casello, da dove passeremo la referenza IFF-684 del Parco Valle del Lanza,un’area protetta di interesse sovracomunale che si sviluppa intorno alla valle del torrente Lanza (conosciuto anche come Gaggiolo o Ranza), che nasce sul Monte San Giorgio nel Canton Ticino (CH) e confluisce a Malnate nel fiume Olona. Lungo le rive sono presenti diversi siti di interesse storico e di archeologia industriale. È caratterizzato da zone umide, costruzioni rurali, chiese ed edifici di interesse culturale, una ricca fauna e vecchie cave di Molera; costituiscono il quadro morfologico anche i crinali e le cime dei promontori collinari, con la tipica vegetazione boschiva ed infine le cave dimesse di arenaria (fonte sito Comune di Malnate)

La storia della Ferrovia della Valmorea

La linea internazionale Castellana-Cairate/Lonate Ceppino-Mendrisio nacque verso la fine del XIX secolo per soddisfare il bisogno di nuove vie di comunicazione. In quegli anni l’Italia aveva appena raggiunto l’unificazione nazionale e all’inizio del 1900 lo sviluppo tecnologico industriale. Un gruppo di industriali della valle del fiume Olona volle disporre di un collegamento per il commercio verso l’Europa, inclusa l’importazione delle materie prime senza passare per il nodo di Milano. Si sviluppò così la linea ferroviaria della Valmorea con l’apertura dell’esercizio per tutte successive da Castellana a Stabio-Mendrisio (CH) nel corso degli anni che vanno dal 1900 al 1926, per una lunghezza complessiva di chilometri 38,500.

Nel 1928 iniziò il declino per scarsità di passeggeri e il 31 maggio venne chiusala linea internazionale Stabio-Valmorea. Il 6 novembre 1938 il servizio subì l’arretramento al capolinea originario di Cairate, mentre il servizio bagagli venne soppresso il 20 novembre 1938 verso Vamorea, rimanendo attivo solamente il servizio merci a castiglione Olona. Durante la Seconda Guerra Mondiale la stazione di Valmorea venne utilizzata sia dalle Ferrovie Nord Milano come luogo di riparazione dei propri mezzi, sia dai convogli militari diretti ai magazzini dell’Areonautica Militare. Nel 1952, diminuendo ulteriormente l’utilizzo del treno da parte del pubblico, fu soppresso il servizio passeggeri lasciando attivo solamente quello merci verso le cartiere di Cairate. Intorno agli anni ’70 le cartiere subirono una forte crisi, che finì inevitabilmente per ripercuotersi sule aziende della valle del fiume Olona. Il 17 luglio 1977 venne decretata definitivamente la chiusura.